mercoledì 26 settembre 2007

RINVIO

SCIOPERO BIANCO RINVIATO PER MOTIVI DI NUMERO

Come anticipato nei commenti di qualcuno, forse è meglio se ci prendiamo del tempo e decidiamo con calma, in modo da essere numerosi e coesi nel fare lo sciopero bianco.
Inoltre domani o dopodomani ci sarà una riunione in lega, quindi, sarebbe buono, per evitare di fasciarci la testa prima di rompercela, di aspettare e vedere che decisioni prendono.
Ripeto SCIOPERO BNIANCO RINVIATO.

4 commenti:

giuseppe Stilo ha detto...

Comunque, personalmente, Vi prego di continuare ad avvisare i colleghi non ancora informati sul caso. Difatti, ho notato che circolano voci molto distorte rispetto a quanto scritto dal regolamento della Lega.
Inoltre, stasera inizierò a scattare qualche immagine di Noi fotografi in gruppo mentre discutiamo e, le invierò ad alcune agenzie, a dimostrazione della nostra presa di posizione.

giuseppe Stilo

marcello paternostro ha detto...

"il pensiero di tullio"
posto il punto di vista di un collega: by marcello

Ciao a tutti,
avevo deciso di studiare un po meglio la situazione prima di gettarmi nel dibattito, ma visto che non ho alcuna intenzione di "manipolare" le foto cancellando lo sconsor non mi va di passare per "crumiro" .
Chi mi conosce sa che non ho alcuna difficoltà a rinunciare alla tentata vendita, ma alcuni di noi hanno anche impegni con giornali che potrebbero non capire la protesta, almeno finche qualcuno non gliela
spiega per bene e credo che non sia del tutto chiara neanche a noi.
La manipolazione delle foto va contro il principio del fotogiornalismo: una cosa è intervenire sui livelli, il contrasto ecc.; posso anche ammettere (con riserva) la sfocatura dello sfondo, ma "cancellare"
parte della foto è inaccettabile.
Noi non vendiamo fotografie. Noi vendiamo i diritti alla riproduzione di immagini di avvenimenti di "cronaca",
Ed è rivendicando il principio del "diritto di cronaca" che riusciamo ad accedere negli stadi, manipolando così radicalmente l'immagine potremmo venirmeno a questo principio.
Sapete come definisce la parola CRONACA l'enciclopedia Fabbri?
Ecco come: Narrazione storica in cui i fatti vengono semplicemente registrati nel loro ordine di successione.
E' solo una delle definizioni, daccordo, ma registrare è quello che dobbiamo fare, c'è chi lo fa meglio e che lo fa peggio ma registrare è il principio.

Riguardo il nuovo regolamento credo che ci sia troppo allarmismo.
Certamente suggerisce non pochi interrogativi e riflessioni:

La LEGA ha deciso di creare una lista di fotografi che abbiano i requisiti per accedere alle sue competizioni ufficiali.
L'inserimento in questa lista è subordinata alla presentazione di alcuni documenti elencati nel paragrafo 5).
Ma se non ho dimenticato l'italiano i documenti descritti nei punti a), b), c), d) sono complementari, cioè se hai la dichiarazione di una agenzia non ti serve l'assicurazione, e viceversa.
Se un fotografo è davvero fotografo (o meglio fotogiornalista) non mi pare abbia difficoltà a produrre la documentazione, semmai sono i fotografi della domenica a doversi preoccupare.
Ognuno di noi dovrebbe essere così bravo da convincere la propria agenzia o il proprio giornale a prendersi delle responsabilità rilasciando la dichiarazione,
ma credo che questo legalmente sottointenda un lavoro in esclusiva, e visto che voglio continuare ad essere free-lance credo che opterò per il la soluzione d): tessera dell'ordine, assicurazione e posizione INPS.

Perchè noi dobbiamo assicurarci e loro no?
In realtà loro sono già assicurati, e sono "responsabili di atti violenti anche se commessi al di fuori dello stadio......" ricordate l'immancabile annuncio prima di ogni partita?
Il fatto è che non ho notizia di alcun collega che dopo aver subito un danno abbia avuto il coraggio di rivalersi sulla società...

Perchè vogliono creare la lista dei fotografi e non quella dei giornalisti (carta, radio , tv, ecc)?
Un fotografo non inserito in lista non potrà essere accreditato per nessuna partita mentre se un caposervizio un giorno gli prende la voglia di andarsi a vedere un derby manda il fax ed è fatta!

Perchè il fotografo non può entrare in campo mentre possono farlo i raccattapalle, gli addetti alla manutenzione, alcuni pseudo-stuards, medici della società , la donna cannone e tutti i nani del circo?

Riunirci in associazione, sindacato, gruppo di specializzazione ecc sarebbe una buona cosa anche se rimango decisamente scettico: che potere ha l'ussi? e l'ordine? boh!!!
E anche riunisci i fotografi non puoi lasciare la porta aperta e chi vuole entra ... dovremmo fare come la Lega e stabilire dei requisiti...alla fine rieccocci al punto di partenza...

Ragazzi purtroppo ho paura che questo sia solo il primo passo verso una situazione molto peggiore, trà qualche anno ci chiederanno di pagare i diritti e limiteranno il diritto di cronaca a pochi minuti come per i concerti...

Per ora ritengo che l'unica cosa da fare è firmare un documento che esponga il nostro punto di vista ma senza imbarcarci in guerre sante o iniziative sterili.
ciao Tullio

admin ha detto...

Caro Tullio,
Conoscendoti, so perfettamente cosa intendi. Altrettanto credo che tu conosci me e sai benissimo che in una situazione normale non farei una cosa del genere. Entrambi abbiamo lavorato per gente che per una cosa del genere non ci ha pensato due volte a sbattere fuori fotografi molto bravi.
Si tratta di una protesta, qualora venisse messa in atto, e proprio perchè è una protesta deve essere una cosa fuori dal comune. So quanto tieni alla rettitudine del nostro mestiere, altrettanto è per me, per marcello e per molti altri che in questo web log scrivono. Non vogliamo mettere in difficoltà nessuno, nè tanto meno giudicare qualcuno, almeno non sono queste le intenzioni con cui ho aperto questo web log. Quindi sei libero di pensare e fare ciò che vuoi, però sarebbe bello che tutti, in occasione di un evento del genere, mettessimo un po' da parte la nostra morale, che ritengo integra per tutti, e cominciassimo a fare sentire di più la nostra voce, anche con mezzi come questa proposta, che forse è impopolare ma proprio per questo è una protesta.
Con stima ed affetto Antonino Condorelli

ALBERTO RAMELLA ha detto...

CARO PATERNOSTRO
non ti conosco ma grazie delle puntualizazioni. In effetti la figura di noi freelance deve essere piu' considerata. Oggi io ho la fortuna di lavorare per AP, domani non so...in passato e' successo che la suddetta agenzia per cui si lavora tutta la stagione alla partita clou della stagione accredita, per ordine di "londra" lo "staffer" di turno..peccato che comunichi la decisione 2 giorni prima della partita..ed ecco che il lavoro di una stagione viene vanificato per l'assenza dell'evento stagionale piu' importante...
Forse le società e la lega non si rendono conto che il free lance svolge un ruolo molto importante..quello di veicolare le immagini in piu' direzioni con grande goia di sponsor e compagnia briscola...
in quanto alla blindatura dei fotografi non ho parole..mi chiedo a volte se siamo gente infetta, o pericolosi criminali...probabilmente la categoria nostra non brilla per capacità intellettiva ma fino a prova contraria siamo professionisti tanto quanto gli altri.
ari' damose na mossa

ALBERTO RAMELLA